Il Palio di una volta / 5

Il Conte Ruggero in piazza Duomo (anni '60)
X
E lu ntirranu dda, sutta ddu tempiu
e lu curcanu ammenzu a sei lignotti
e Guglielmo calò, facennu scempiu
ma cu ddi quattru sperti nun ci potti 
ca pi quantu ddu Malu si va' sbrazza
ddu Paliu arresta sempri Chiazza Chiazza.
 
XI
Però passa lu tempu e si nni vola
e la morti, ca sempri ci mancìa,
runzannu cu la fetida tagghiola
puru a li sperti si li cugghiunìa.
E mòrsiru, ddi quattru e pi ncucucciu
si persi la memoria di l'ammucciu.
 
XII
E funu centottantasetti l'anni,
tri sissantini e cchiù, dda suttastanti,
nfinu a chi s'appalisa a Don Giuanni
ca lu va scava e si lu porta avanti
e prucissannu cu la so' putenza
fà pruvulazzu di la pestilenza. (continua)
 
Giòmetrico

Domani altra foto con altre 3 strofe.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo