Menzagustu

Piazza Garibaldi, 1927

MENZAGUSTU

Ni li campagni nuddu c'è ca resta,
nè li vigneri e mancu li patruni;
pi strati, pi trazzeri e pi stratuni
la genti acchiana a lu Païsi lesta.
 
La "Muscatedda" chi la vuci agresta
'mmisca cu chidda di li campanuni,
e di milli palummi lu vuluni
càntanu allegri ca dumani è festa!
 
Menzagustu! Jurnata gluriusa
di vera fidi nni stu anticu Chiazza:
forsi accussì ad autri banni 'un s' usa.
 
Nuciddi virdi e la sira gelati...
m' a a menzujornu tutti nni la Chiazza
sù li Chiazzisi fermi ddà chiantati!
 
Girolamo Giusto, 1937

Note originali dell'autore: - Vigneri = Coltivavano un podere con salario annuale. - Nuciddi = E' la festa delle nocciole verdi, del torrone e, la sera, dei gelati. Alle dodici ogni buon Piazzese si trova in quel giorno nella piazza (n.d.r. = piazza Garibaldi) - Chiantati = Piantati, fermi; (n.d.r. - Muscatedda = è la campana più piccola tra quelle nel campanile della cattedrale).

cronarmerina.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo