A che servono gli incontri In evidenza

Nella sala rossa con gli alunni della V chimici a.s. 2015/2016, 15 aprile 2016

A pranzo con i compagni di mezzo secolo fa

Dopo tanti anni che non ci si vede e non ci si frequenta, qual è il modo migliore per riannodare i fili, se non quello di una bella rimpatriata attorno a un tavolo dove ognuno è “costretto” dall’età, dall’emozione e dal vino,  a tirare fuori i propri ricordi, che poi sono di tutti?

P’ NAN FÈLI CIÙ SCAPPÈ

Nudd su putìva mag’nè d r’zzèv l’invìt
P’ n’incòntr inasp'ttàt accuscì béngh organ’zzàt
N’ cödda sàla tutta rrössa
Ddi càmsgi biànchi di studénti d’aguànn
S’ cunfönniv’nu cu biànch di cavègghi
D’ cöddi ch’ giuv’nétti gghiàv’na stàit na vòta
Sci, ma ciù d mènz sèculu ‘ndarrèra

A ved’li öra tutti ‘nsemu accuscì
Ungh o sciànch a l’autr
A niàuti föm’ni ch’i taliàv’mu
Pariv’nu na clàsse d carösi
Prònti pa rec’ta da fìngh d l’ann

Iéddi nan s’ pute’vnu véd o spècchiu
Ma era pròpriu na b’ddézza talièli
A frosonomìa d’ognùngh era d’vèrsa d l’autr
Ma l’emuzziöngh ch’ ggh fasgèa lucc’chè l’òggi
Era a stìssa p’ tutti

Quànn pöi s’ttàti ‘ntàvula
A l’otta d mangè e bév
Ognùngh cum’nzà a cunté da so vìta
Famìgghia travàggh fìgghi n’vétti
Còm d'sgèva a puisìa Sp’tànn l’incòntr
Allöra l’emozziöngh da matt’nàda
Nan gghià fès ciù a r’stè dìntra a l’oggi
E s’ sciògghì n’ ddàrmi
D cu parràva e d cu scuttàva

Er’nu ddàrmi d cuntèntizza p’rchì
Dòp mènz sèculu ch’ nan s’ v’dév’nu
Cösti beddi omi s’ssàntuttìni
Putè’vnu parrè fàcci a fàcci
Cu i végghi cumpàgni d scòla
E fu accuscì ch’ cönt dop cönt
S’ cum’nzà a r'cùsg cö fìu dî r’gòrdi
Ch’ p’ bona part di pr’sénti s’era sö l’ntà

Quànn l’urt’m giövu s’ssàntuttìnu
F’nì d’ cunté da so vìta
Tutti i pr’sénti e i föm’ni ‘nprima fìla
Capìnu ch’ dd fìu du r’gòrd
S’era r’cùsgiuit, o méggh,
S’era pròpriu ‘nturciuniè
Str’nzènn’li tutti l’ungh a l’autr
P’ nan fèli ciù scappè

Rosalba Termini, Aprile 2016

Traduzione

Per non farli più scappare

Nessuno se lo poteva immaginare di rivevere l'invito

Per un incontro inaspettato così ben organizzato

In quella sala tutta rossa

Quei camici bianchi degli studenti di quest'anno

Si confondevano col bianco dei capelli

Di quelli che giovinetti c'erano stati una volta

Sì, ma più di mezzo secolo fa

 

A vederli ora tutti insieme così

Uno a fianco all'altro

A noi donne che li guardavamo

Sembravano una classe di ragazzi

Pronti per la recita di fine d'anno

 

Loro non potevano vedersi allo specchio

Ma era proprio una bellezza guardarli

La fisionomia di ognuno era diversa dall'altro

Ma l'emozione che faceva loro luccicare gli occhi

Era la stessa per tutti

 

Quando poi seduti a tavola

Al momento di mangiare e bere

Ognuno cominciò a raccontare della sua vita

Famiglia lavoro figli nipoti

Come nella poesia Aspettando l'incontro

Allora l'emozione della mattinata

Non gliel'ha fatta più a rimanere dentro gli occhi

E si è sciolta in lacrime

Di chi parlava e di chi ascoltava.

 

Erano lacrime di contentezza perché

Dopo mezzo secolo che non si vedevano

Questi begli uomini sessantottini

Potevano parlare viso a viso

Coi vecchi compagni di scuola.

E fu così che racconto dopo racconto

Si cominciò a ricucire quel filo dei ricordi

Che per buona parte dei presenti si era solo allentato

 

Quando l'ultimo giovane sessantottino

Finì di raccontare della sua vita

Tutti i presenti e le donne in prima fila

Capirono che quel filo del ricordo

Si era ricucito, o meglio,

Si era proprio attorcigliato

Stringendoli tutti l'uno all'altro

Per non farli più scappare

cronarmerina.it

 

 

 

 

Commenti  

0 #3 Gregoria 2016-05-04 20:17
Hai toccato tutti i particolari dell'incontro!
Versi emozionanti per chi si immedesima.
Brava Rosalba.
Citazione
+2 #2 Stella Tuminelli 2016-04-29 07:40
Delicata e sensibile spettatrice di una goliardica rimpatriata tra maturi sessantottini hai dipinto con i colori del vernacolo piazzese un'emozionante giornata di metà aprile. Volti, voci, storie, destini, approdi e narrazioni varie che rivivono nei tuoi versi suscitando in chi legge quel pizzico di sana invidia nei riguardi di tutti coloro che si sono ritrovati e hanno condiviso i ricordi di un lungo tempo fa... È nei versi il potere di far rivivere l'attimo, quell'attimo in cui ognuno dei compagni ha saputo emozionare, emozionandosi.
E' nei tuoi versi il dono di averci fatti sentire tutti compagni.
Grazie, Rosalba
Citazione
0 #1 Wiggy 2016-04-27 07:31
Brava signora Rosalba. Anche chi non ha partecipato all'incontro, leggendo il suo scritto, si è emozionato. Complimenti.
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo